Bag and the cities – What’s in your bag?

Accessori utili e meno utili, trucchi, ricordi e cianfrusaglie: ogni ragazza che si rispetti si porta dietro 24 ore al giorno il suo non-tanto-piccolo mondo. Noi di Blog and the cities vi diciamo cosa c’è nelle nostre borse ma soprattutto vogliamo sapere COSA C’E’ nelle vostre! What’s in your bag? 

 CONNIE. Iphone, rigorosamente nella tasca interna: sono ancora nella fase ‘tu lo proteggerai da ogni interazione con chiavi, portachiavi e oggetti potenzialmente dannosi’. In ordine sfuso: portafogli Coccinelle, pochettina Harrods con orsetti vestiti da ballerina contenente tesserino lavorativo, buoni pasto, scontrini-cartacce-scontrini, labello. Rayban aviator classici, dopo anni ancora gli occhiali da sole che mi piacciono di più, portachiavi con enorme stella da 15enne in cui, in mezzo ai vari ed eventuali portachiavini accumulati (non) spiccano le chiavi di casa e quelle di casa del boyfriend. Chiavi della macchina (stesso discorso, sono sentimentalmente legata alla piccola Kokeshi, bambolina giapponese). Ipod rigorosamente rosa con pezzi rigorosamente rock. Accendino bandiera inglese comprato a Camden town nel colmo del panico da astinenza. Trousse anni ’80 H&M con trucchi trucchi trucchi, e ultimamente grazie alle grandi esperte Giudy&Memi trucchi minerali Neve cosmetics (non vi ci truccate in macchina pena polvere ovunque). Last but not least: il mio disordine, sempre con me ovunque vada.

GIUDY. Mary Poppins? Troppo semplice il suo trucchetto con una borsa-bagaglio del genere! Ci provi lei ad infilare tutto il necessario in una borsa che sia al tempo stesso portabile, abbinata all’outfit e per di più leggera! E poi, altro che lampadari e quadri, nella mia borsa non debbono mai mancare un buon burrocacao idratante ed un paio di occhiali da sole: non puoi mai sapere – estate o inverno che sia – quando una sperla di sole ti colpirà, una luce troppo fastidiosa per i tuoi occhi apparirà o un mal di testa fotosensibile ti attanaglierà. Ad intasare ancora di più la borsa: un nécessaire per il trucco per non farmi mai cogliere impreparata (mascara, matita nera ed il fondamentale Dr. Feelgood di Benefit) ed un’altra bustina contenente invece il dispensario medico d’emergenza (tachipirina, moment act, moment rosa, pastiglie per la gola, cerotti labbra e talloni) più alcuni accessori sempre utili quando si è fuori casa (elastico per capelli, forcine, pinzetta, spilla da balia, chiavetta usb). Carissima Mary Poppins, la sfida è ora aperta.

LAURA. 1step: ricordarsi quale borsa ho deciso di utilizzare nelle ultime 12 ore. 2step: tentare di incastrare tutta quella serie insostituibile di mini oggetti che fino a ieri viaggiavano comodamente nella maxi Burberry Nylon Shopper rossa e trasferirli all’interno della pochette Gucci vintage di mamma. Seguendo la logica di tetris colloco al centro il maxi portafogli Miu Miu (apprezzatissimo regalo di compleanno dal fidanzato) e l’Iphone, alla sua destra il blush pink explosion di Chanel per gote da far invidia ad Heidi, le chiavi di casa riconoscibili dal prezioso ring-key “I love Darcy” acquistato nell’unico e originale Jane Austen Center a Bath (Inghilterra) e il Labello soft-rosé. Alla sinistra miracolosamente si fa strada l’agenda di Audrey Hepburn senza la quale, candidamente ammetto, non potrei proprio sopravvivere. In cima spuntano i miei amati sunnies Ralph Lauren. Condite il tutto con forcine a volontà.

MEMI. Devo aver ereditato la sindrome di mia madre che, come dimenticarlo, quando ero piccola aveva sempre in borsa il bicchiere di plastica portatile (avete presente quello  che si auto-costruiva capovolgendolo?) e le pasticche per l’asma. Tale madre, tale figlia perché in ordine la mia borsa contiene: portafogli Guess mille tasche ma che non bastano mai,  agenda che in questo periodo  è la mia migliore amica, occhiali da vista, occhiali da sole Tom Ford/Vogue (dipende dai giorni) di cui non posso fare a meno, chiavi di casa, Moment, spazzola, elastico per capelli che all’occorrenza è sempre introvabile, Labello, pochette  che contiene kit make up d’emergenza con fondotinta, pennello, blush  e per ultima  crema idratante portatile. A volte penso, ma come fanno gli uomini a sopravvivere.

E ora… vogliamo sapere di voi!

9 thoughts on “Bag and the cities – What’s in your bag?

  1. Pingback: Godsavethegirls – Chi cerca trova (o quasi) | blogandthecities

  2. La mia borsa?Un microcosmo eccentrico; un non luogo se preferite, perché c’è tutto e non c’è niente, o meglio quello che c’è non sai mai dove possa essere nel momento in cui ti serve!
    Non manca mai un pacchetto di fazzoletti eppure so per certo che se domani incontrassi Rhett Butler e avessi un bruscolo nell’occhio mi direbbe “sembra impossibile ma nei momenti più gravi non hai mai un fazzoletto!”, non manca mai una penna, ma anche quella viene regolarmente fagocitata in questo immenso buco nero insieme ad un cellulare troppo anacronistico per essere chiamato per nome, alla pochette per il trucco, al gel detergente, e ai tre mazzi di chiavi dai portachiavi più variopinti che immancabilmente s’intrecciano tra loro e così quando cerco le chiavi di casa spuntano quelle del negozio o viceversa, senza contare che il maritino mi affida anche le sue; già perché a chi si chiede come faranno i maschietti a sopravvivere senza borsa io rispondo che molto,anzi, troppo spesso si affidano alla nostra rendendola ancor più caotica e pesante!
    Cosa c’è a portata di mano nella mia borsa? beh maxi portafoglio comprato in Giappone e maxi portaocchiali che più ingombrante non si può…il tutto a portata di scippo!!!sob!

  3. Volevo rispondere con una lista esotica di cosuccie carine di mia proprieta….ma se la cosa deve essere piu realistica direi…. Megaborsone di pelle rigorosamente rigida nera, ultima collezione di Zara, unico valido amico per far fronte ai miei 9/10kg giornalieri. Lenovo, probabilmente il pc meno fashion e migliore che esista al mondo. Carte. Bloc-notes bordelloso. Carte. Rivista estiva H&M. Pochette nera per tentare di mettere fine al problema delle carte. Niente portafoglio. Abbonamento mensile ai trasporti contente anche ID, Visa, e scontrini. Iphone abbandonato nel tutto, nemmeno fosse un Nokia 3310. Carte. Cerottino del Dr.Sholls per far fronte alle ferite di guerra provocate dagli irrinunciabili Stilleto tacco rigorosamente 12. Secondo cellulare. Monetine sparse sfuggite al fatto che qui non si usano contanti. Mega-occhiali da sole vintage. Ombrello rotto dal vento. Salviettine struccanti e rinfrescanti. Carica batterie. Pass dell´ufficio. Due o tre penne. Lucidalabbra rosa-salmone. Pettine. Specchietto. Matitina Ikea (inmancabile nella borsa di qualsiasi donna che mette su casa). Portachiave Longchamps contenente chiavi di Roma, Bruxelles e Copenaghen. OB. Ibuprofene. Carte. Borsa o Valigia?

  4. Mhmm…da dove cominciare?!? Anch’io sono una delle sfidanti di Mary Poppins…ed anch’io devo ricordarmi ogni giorno di quale borsa ho deciso di portare con me! Ma la mia preferita resta senza dubbio una Guess “finta magra”… poche tasche (per fortuna! altrimenti dovrei aprirle tutte ogni volta che cerco qualcosa di momentaneamente essenziale…) ed una capienza Stra-or-di-na-ria! Rigorosamente nera, finta pelle di serpente e fibia con incisa la marca resa molto meno appariscente dal tempo che passa e dall’uso smodato che faccio della bag in tutta la sua magnificenza! Contiene esattamente cellulare (nel mio caso messo totalmente a caso…rispetto solo a “dove entra”),sigarette ed accendino, chiavi di casa con svariati portachiavi al seguito, un portafogli gigante pieno perlopiù di scontrini inutili, bigliettini dei baci perugina con frasi particolari e letti in momenti altrettanto particolari e tessere di ogni tipo…dalla biblioteca all’università, dal tesserino da volontaria alla patente, dalla tessera sanitaria (diventata oramai un must per accedere alle Marlboro Gold nel momento del bisogno) alla Fidelity Card finora inutilizzata del mio negozio di Tatuaggi preferito. Tutto questo crea già molta pressione per la mia povera Guess schiavizzata! Ma non contenta ci infilo a forza una trousse di Accessorize stracolma di quei trucchi che considero la mia personalissima “cassetta del pronto soccorso”: fondotinta kiko con spugnetta, ombretti per aggiustare un già arrangiato Smokey Eyes, un paio di pennelli, Fard color pesca ed infine quello che non deve mancare MAI…Mascara black!!! Seguendo la filosofia del “non si sa mai”…infilo in borsa anche un gel detergente mani,gomme da masticare,smalto rosso ciliegia, cerotti…ed un accendino di riserva…che poi Anti-vento E’ MEGLIO!!! xD

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...