God save the girls… dall’accoppiata Uomini-Saldi.

di CONNIE

Pronte, partenza, via. Dopo giorni di stretching, migliaia di fogli di wishlist, passeggiate in avanscoperta sotto il sole bollente siete lì, il giorno di inizio saldi, pronte a cominciare la Razzia. Con voi una maxibag pronta ad accogliere eventuali buste e bustine, lo stretto necessario per la sopravvivenza, contanti e carta di credito fremente. E… lui. Sì, vi eravate dimenticate di lui, il fidanzato di turno cooptato per un “giretto in centro”, che se state insieme da un po’ sa cosa lo aspetta (ma, come sappiamo, gli uomini hanno la memoria corta), e se invece da poco si pentirà presto di aver fatto quello di buona volontà. Inutile nasconderci dietro un dito (in questo caso uno scontrino), sappiamo che il 90% dei fidanzati NON VA BENE come accompagnatore nello shopping sfrenato. A volte ce li portiamo dietro perché non si sentano abbandonati il week end, altre volte perché abbiamo intenzione di rinnovare anche il LORO guardaroba. Nella migliore delle ipotesi rimarranno fuori, sotto al sole rovente ad aspettare che finiamo di dare l’ennesima occhiata a Zara (ci fosse sfuggito qualcosa durante l’ora e mezza che abbiamo passato al primo piano), nella peggiore pretenderanno di vedere e comprare solo quello che serve a loro (poverini, 30 anni di vita e ancora non hanno capito la propria misura di jeans) impedendoci di concentrarci su altro e sbuffando ogni volta che il “reparto femminile” entra nel loro campo visivo. Per non parlare poi dei modaioli, sempre più numerosi, che ti abbandonano proprio quando vorresti un consiglio su come ti sta il peplum giallo perché hanno adocchiato dalla distanza di un chilometro la sciarpa a righe al 50%.

Si potrebbe fare uno studio sociologico sulle reazioni maschili al primo giorno dei saldi. Lo scenario che ci si presenta la maggior parte delle volte è di uomini abbandonati, stanchi e pallidi che incassano con deboli sorrisi e sonori sbuffi le promesse delle loro donne “amore, giuro che la prossima partita te la faccio vedere senza fiatare, un altro minutino”. I più rompiscatole provano ad alzare la voce “è la trentesima volta che entri da H&M!”, con scarsi risultati. Giuro di aver visto schiere di uomini seduti per terra, sovrastati da montagne di vestiti. Per non parlare dei consigli che sciaguratamente pretendiamo da loro: il mio ragazzo, l’uomo che è stato capace di chiedere “quanto pensi di metterci” al momento del mio ingresso da Penneys a Dublino, appartiene alla categoria di quelli che alla domanda “ti piace? Me lo provo?” risponde quasi sempre con “ma cosa, questo straccetto?”. Niente di meglio per invogliarti a provare e ad acquistare la fantastica gonna lunga cipria che fino a tre minuti prima pensavi fosse l’affare del secolo.

La colpa, c’è da dirlo, è anche nostra. Fidatevi dell’esperienza, fare shopping con un’amica che abbia i nostri gusti (o, ancor meglio, da sole), è molto più redditizio in termini di costi, in termini di acquisti e di moda, in tutti i termini insomma. Eviterete stress alla vostra coppia e di farvi sfuggire la fantastica gonna lunga color cipria (che infatti poi ho comprato, da Promod). Altra scelta vincente è quella di portarsi dietro l’amico partecipe, che ha una minima idea di cosa va di moda e vi aspetta pazientemente fuori dal camerino nel quale siete entrate cariche come un mulo. E il fidanzato? Potrà finalmente dedicarsi al torneo di Playstation con gli amici che rimanda da TROPPO tempo. Avete trovato la perla rara che vi aiuta nello shopping senza lamentarsi e capisce più di voi quello che conviene comprare e quello che non conviene? Sposatelo. Nell’attesa, buono shopping a tutte!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...