Beauty – I rischi del make up: panda astenersi

di Emanuela

Ammettiamolo: siamo tutte vittime inconsapevoli della sindrome da Make Up Artist.L’epidemia è dilagante, e noi sappiamo benissimo chi sono i principali responsabili:

UNO: Real Time (canale 31) con la sua amabilissima Clio

DUE: l’inesplorata vena artistica della quale ci stimiamo portavoce inconsapevoli, taciuta per anni davanti allo specchio, e miracolosamente manifestatasi alla visione dell’ultimo tutorial.

Tutte sognanti, ci prefiguriamo in una fantomatica festa aziendale: non ci interessa sapere cosa indosseremo, già perché questa volta il nostro outfit sarà esclusivamente rappresentato da quel gran paio di SMOKEY EYES  che avremo sapientemente messo su per l’occasione. Fameliche, corriamo in profumeria, vagando stordite con una specie di “tag cloud” ambulante al seguito, carica di enigmatici idiomi tipo PRIMER, GLITTER, BLUSH, PALETTE. Ovviamente, non badiamo a spese. C’è molta confusione nell’emisfero sinistro del cervello, ma una grande certezza di cui ogni donna è ancestralmente consapevole: il fine giustifica i mezzi! Ragion per cui, nel dubbio, compriamo tutto il comprabile, e torniamo soddisfatte e cariche di pennelli e pigmenti, al punto da far invidia a Diego Della Palma.

Un po’ di nero di qua, un po’ di luce di là, mascara a vagonate… et voilà! …lo specchio non mente: ci siamo travestite da PANDA! Ebbene si amiche! Non tutte siamo capaci di maneggiare una matita per gli occhi come una stilografica sugli assegni. Non al primo tentativo quantomeno. Gradualità, pochi strumenti e spirito d’osservazione saranno i nostri alleati . Il mio primo consiglio è di andarci piano coi colori all’inizio e di cominciare esercitandosi ad applicare la matita sugli occhi.  GIA’ CON LA SOLA MATITA NERA ED UN PENNELLO PER OMBRETTO, che avremo di sicuro nel nostro beauty, possiamo ottenere quel famoso effetto smokey che ci piace tanto.

 Proviamo:

1) Applichiamo la matita nera sulla palpebra mobile dall’esterno verso l’interno in modo da tracciare una linea che va assottigliandosi man mano. Non preoccupiamoci se la linea disegnata non risulta precisa, perché andremo a sfumarla col pennello.

2) Sfumiamo: l’obiettivo è di ammorbidire la nettezza della linea, cercando di intensificare la quantità di colore nella parte esterna in particolare nella piega dell’occhio, facendo attenzione invece a non caricare di colore la parte interna della palpebra. (questo ci permetterà di dare all’occhio una forma che va verso l’alto)

3) Applichiamo la matita sul lembo di pelle esterno più prossimo alle ciglia inferiori.

4)  Sfumiamo: l’obiettivo non è di espandere il colore ( non vogliamo certo vanificare l’effetto del correttore e intensificare le occhiaie! ) ma ammorbidire il tratto applicando il pennello tra il lembo esterno e il lembo interno dell’occhio. Procediamo dall’interno verso l’esterno cercando di ricongiungerci al colore applicato all’esterno della palpebra mobile superiore.

Dopo che avremo uniformato il colore tra palpebra superiore e inferiore, potremo applicare la matita all’interno dell’occhio, per intensificare il colore ed eventualmente riprendere il tratto sulla palpebra superiore se in fase di sfumatura è diventato troppo tenue.

5) Applichiamo TANTO MASCARA!

CONSIGLIO DETTATO DALL’ESPERIENZA DI UNA MANO PASTICCIONA: è il caso di truccare gli occhi prima di applicare fondotinta, correttore e cipria… il lavoro di sfumatura le prime volte potrebbe richiedere delle correzioni in corso d’opera che potrete facilmente effettuare con cotton-fioc e latte detergente.

 CONSIGLIO DETTATO DALLO SPIRITO D’OSSERVAZIONE DI UN’AMANTE DEL BUONGUSTO: gli smokey eyes creano un trucco tendenzialmente aggressivo. È il caso di bilanciarli sul viso con delle labbra nature (rosate o aranciate ) e decisamente glossy per illuminare il tutto. Anche fard o blush dovrebbero essere discreti con la sola finalità di scolpire gli zigomi.

 CONSIGLIO DI PERFEZIONAMENTO: le SOPRACCIGLIA. Se non siamo naturalmente dotate di un bel paio di sopracciglia che rimarcano l’arcata superiore dell’occhio, sarebbe il caso di aiutarsi con una matita ( per sopracciglia appunto) che dovrà essere del colore più prossimo al nostro. Occhi così carichi potrebbero risultare due macchie informi se non contornati da un’arcata sopracciliare definita. Quindi, procediamo applicando la matita all’interno delle sopracciglia senza definirne necessariamente il contorno, ed eventualmente prolunghiamo il tratto verso l’esterno se sono troppo corte. L’OBIETTIVO NON E’ DISEGNARE UN NUOVO PAIO DI SOPRACCIGLIA, MA SOLO INTENSIFICARNE IL COLORE ED ARMONIZZARNE LA FORMA.

È proprio il caso di dirlo: non c’è trucco non c’è inganno! Piuttosto qualche dritta artigianale per non trasformare un evento glam in un veglione di carnevale!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...