Godsavethegirls – Siamo tutte Holly Golightly

di GIUDY

Siamo un po’ tutte Holly Golightly: ci piacciono i diamanti, fumiamo, folleggiamo ai party, flirtiamo con uomini quasi mai liberi, non vogliamo impegni seri e soprattutto siamo sempre alla ricerca di un multimilionario che ci tolga ogni banale problema di sostentamento.
Forse non siamo fuggite da una famiglia problematica o non ci siamo sposate in tenera età come fece Holly, ma abbiamo tutte (tutte!) un passato alle spalle che ci fa dubitare del presente e che ci mette ansia da futuro. 

Nel caso doveste incontrarci ad una festa, ci riconoscete dal fatto che ripetiamo invano che nessuno ci appartiene e noi non apparteniamo a nessuno: ottima frase se non fosse che poi ci riduciamo a cercare affetto in oggetti e/o animali. Come Holly ci affezioniamo a (o forse ci innamoriamo di) qualcuno che ci sappia stimolare quotidianamente ma che sappia anche stringerci nelle sue braccia cullandoci quando tremiamo di paura immotivata.

L’abbiamo già vissuto ripetutamente e sappiamo che il Paul Varjak della situazione irremediabilmente si innamorerà (o forse si affezionerà e basta) di noi, della nostra fragilità ben nascosta, della nostra piccola dose di follia ed irremediabilmente avrà la tentazione di voler afferrare il quadro completo, incasellarci in un genere, capire ogni sfaccettatura, comprendere ogni cambio di umore ed indagare ogni aspetto del nostro passato per poi chiuderci in una gabbia di dorata quotidianità. La storia insegna che il lui in questione è implacabilmente impegnato, con qualcuno o qualcosa: non importa che il suo tempo sia scandito da una moglie onnipresente o da un lavoro opprimente, noi Holly lo accettiamo così, consapevoli di non poterlo mai “vivere” a trecentosessanta gradi, aggrappandoci alla sua parte migliore ed al suo tempo di qualità ma allo stesso tempo maltollerando talvolta la sua noiosa vita ufficiale.

Per svagarci, nei momenti in cui Mr. Varjack è altrove impegnato, noi moderne miss Golightly ci circondiamo di altri uomini più o meno interessanti ma utili a farci trascorrere una piacevole serata in compagnia di alcol e stordimento finale.
E’ facile dopo questo ritratto capire come talvolta ci venga voglia di fuggire, lasciare le familiari mura domestiche, abbandonare persino il Gatto (l’unico animale domestico che una Holly potrebbe avere) e andarsene il più lontano possibile.
Ma prima di riuscire a fuggire, nel migliore dei film, un Paul Varjack qualsiasi prende decisioni, un Gatto si perde, una Holly si ritrova e la pioggia catartica condisce un bacio romantico che esiste solo su pellicola.
Qui nella realtà invece rimane solo una bottiglia di latte rancido da spartire con il gatto mentre guardo fuori dalla finestra la pioggia battente sognando di rivedere per l’ennesima volta “Colazione da Tiffany”.

One thought on “Godsavethegirls – Siamo tutte Holly Golightly

  1. Pingback: Godsavethegirls – Chi cerca trova (o quasi) | blogandthecities

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...