Godsavethegirls – Valigiando, ovvero come vincere la crisi da bagaglio

hiro

di CHIARA

L’estate si avvicina e con lei (si spera) le meritate vacanze. Che abbiate già fatto dei programmi o meno, che partiate in coppia, da sole o con amici, arriverà sicuramente il momento di crisi, detto anche la preparazione della valigia.
La crisi da valigia è comprensibile, ci siamo passate tutte e per di più le compagnie aeree diminuiscono sempre più le dimensioni ed il peso dei bagagli a mano e fare una valigia che passi i controlli delle hostess all’imbarco è diventata un’arte. Ma ormai il mio occhio è diventato più esperto di quello delle hostess stesse e saprei dire a distanza se un bagaglio rientra o meno nei fatidici 55x40x20 cm. Suppongo sia una delle tante qualità che si acquisiscono avendo una relazione a distanza, seguita da saper riconoscere il personale di bordo e esser in grado di muoversi all’interno dell’aeroporto come se fossi a casa mia.

Cerchiamo dunque di mettere a frutto le conoscenze acquisite negli ultimi anni di pendolarismo e partiamo dalle basi ovvero buttate via quelle maxi-valigie dove stipate qualsiasi cosa ci sia nel vostro armadio. Siamo giovani ed indipendenti, prendete un mini trolley e trascinatevelo da sole: hanno le ruote, non pesano e si possono guidare letteralmente solo con un dito. Che tipo di valigia prendere dipende molto dalle preferenze personali, c’è chi preferisce i borsoni che possono essere facilmente spinti con violenza nel misuratore delle compagnie aeree, ma io personalmente non li amo: mi pesano sulla spalla, mi dà fastidio la tracolla ed odio dovermi preoccupare del momento in cui mi chiederanno di controllare le misure del mio bagaglio sapendo che dovrò avere un corpo a corpo per farlo entrare. Sono una tipa da trolley: li adoro e li trovo un’invenzione meravigliosa. Se dovete acquistarne uno nuovo fate attenzione al manico ed alle ruote, che non devono assolutamente sporgere: non vorrete certo rinunciare a cm preziosi per delle ruote sporgenti, vero?
Controllate quindi che le misure siano esattamente 55x40x20 cm e che la valigia abbia una tasca sul davanti (comodissima) accertatevi che l’ampiezza sia di un paio di cm inferiore in modo da poter passare qualsiasi controllo.

Arriviamo ora all’argomento spinoso, ovvero come riempire la famosa valigia: grazie ad un video molto ispirante sono riuscita a riempire il mio minitrolley anche dopo lo shopping di Londra quando credevo non ci fosse davvero modo di infilare tutto quello shopping in così poco spazio. Consiglio poi se viaggiate con la Ryanair o avete bagagli da stiva di munirvi di un pesa valigie (es. questo su amazon): è di piccole dimensioni ed utile, solo così saprete esattamente quanto sbizzarrirvi con lo shopping prima del ritorno (o meglio ancora, come dividere lo shopping tra bagaglio da stiva e bagaglio a mano). In valigia dovrebbero sempre esserci: un paio di pantaloncini e uno di pantaloni, 1-2 paio di gonne, 3-4 magliette, un golfino, 4 vestitini ed UN SOLO paio di scarpe (da aggiungere a quello che avrete ai piedi).
Per il delicato problema dei liquidi ci viene incontro Lush, che con i suoi shampoo solidi ci permette di viaggiare con capelli perfetti senza problemi di attentato in aeroporto. Se avete bisogno di asciugamani comodi, che si asciugano velocemente e che occupano poco spazio li potrete trovare da Decathlon.
Dal lato make up consiglio, invece, pochi cosmetici ma scelti con cura: generalmente opto per un paio di palette Sleek (http://www.sephora.it/ o sul sito www.sleekmakeup.com), una BB cream passepartout, blush, mascara e matita.

Con questi piccoli accorgimenti avrete con voi tutto il necessario per viaggiare comodamente, spendendo poco ed avendo in valigia lo spazio per il vostro shopping!

3 thoughts on “Godsavethegirls – Valigiando, ovvero come vincere la crisi da bagaglio

  1. Se si vola con Ryanair consiglio anche di tentare di infilare tutto nel bagaglio a mano per l’andata (10 kg non sono molti, ma se il viaggio è di una settimana massimo è fattibile) e, in caso di shopping folle (cosa che a me capita sempre) pagare eventualmente per il bagaglio in stiva solo al ritorno, considerando che si risparmia la metà :)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...